Progetto Sicurezza alimentare nella regione di Tiris-Zemmour, Mauritania - 3

2 febbraio 2015 | Scritto da Alberto Dambrosio in Notizie

Stato di avanzamento del Progetto Dicembre 2014 e Gennaio 2015

Il primo anno del progetto SAL-TIZ si appresta a concludersi e consideriamo il bilancio di questo primo periodo di lavoro in Tiriz Zemour positivo.

I principali risultati raggiunti sono:

In gennaio abbiamo terminato l’istallazione di due pompe elettriche, nei pozzi di Laweje e Oumdeiferatt, alimentate a pannelli solari. I pozzi che rimangono nel raggio di 50 Km da Zouerate sono dei punti di abbeveraggio molto importanti sulle piste di transito delle mandrie di dromedari e ovi-caprini che si spostano da una zona  all’ altra alla ricerca di  pascoli verdi

Foto0640

Si iniziano a vedere i primi frutti dei 110 giardini coltivati a ortaggi; carote, insalata, rape rosse e bianche, prezzemolo e verza. Il primo raccolto è vicino!

Foto0603

Sono stati istallati 3 piccoli  sistemi di irrigazione goccia a gocia, al fine di valutare alternative razionali  all’utilizzo dell’ acqua in agricoltura, vista la diffficoltà di approvigionamento idrico che caratterizza queste zone aride.

Foto0632

Sempre in questo primo mese del 2015, con la missione del veterinario Massimo Scacchia, esperto in analisi di laboratorio si e’ programmata la formazione sulla parassitologia . Il laboratorio veterinario, in cui lavoreranno due tecnici veterinari del Ministero dell’Allevamento Mauritano, realizzerà analisi di parassitologia al fine di poter eseguire delle diagnosi esatte e così utilizzare al meglio i farmaci forniti dal progetto e già stoccati nei 3 depositi veterinari dislocati nella regione.

Un sistema di distribuzione di frutta destinata a 4 scuole nei villaggi a sud di Zouerate è attivo. La frutta porterà una arricchimento nella dieta  dei bambini   che normalmente  mangiano cibi poveri in vitamine, consumando per lo più pasti a base di carne e cereali, alimenti principali della dieta dei popoli nomadi del deserto.

Foto0610

 

vai alla pagina del progetto

Rispondi

close