PROGETTO SICUREZZA ALIMENTARE NELLA REGIONE DI TIRIS-ZEMMOUR, MAURITANIA - 11° REPORT

10 dicembre 2015 | Scritto da Alberto Dambrosio in Notizie

Stato di avanzamento del progetto Novembre 2015

  nov2 

Durante il mese di Novembre ha avuto luogo il passaggio di consegne per la gestione dei pozzi equipaggiati e messi in opera nei mesi precedenti all’Associazione allevatori di Zouerate. Tale passaggio consentirà all’Associazione di avere le competenze e i mezzi per poter gestire autonomamente i pozzi di abbeverata delle mandrie che gravitano nel Tris Zemour soprattutto durante la stagione secca.

Il pollaio costruito durante il mese di Novembre presso la Cooperativa degli handicappati di Zouerate continua a crescere. Attualmente sono presenti cinque galline , un gallo, tre pulcinotti e sette nuovi pulcini. Uno degli obbiettivi sarà quello di distribuire ad ogni famiglia beneficiaria un gallo e tre galline che permettano alle famiglie stesse di avere una fonte di nutrimento, ma anche una fonte economica derivante dalla vendita di carne e uova.

Procede lo studio etno-veterinario iniziato nel mese di Ottobre grazie al quale stiamo raccogliendo informazioni sulla situazione sanitaria degli animali del Tris Zemour grazie all’esperienza e alle conoscenze di pastori ed allevatori.

nov3

In parallelo a tale inchiesta collaboriamo al progetto IFAD (Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo), fondo che ha lo scopo di mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare, migliorare la qualità della loro alimentazione, ottenere redditi più alti e rafforzare le proprie capacità di adattamento. In questa fase stiamo svolgendo dei questionari che ci permetteranno di comprendere la situazione e le difficoltà che le popolazioni rurali incontrano quotidianamente nella regione del Tris Zemour.

nov1

La fine di Novembre ci ha visti infine impegnati nella valutazione del progetto da parte di Veterinari Senza Frontiere Italia. Durante tale visita abbiamo avuto la possibilità di valutare e discutere vari aspetti del nostro progetto, programmare nuove attività, ma anche di partecipare ad un incontro presso il Ministero dell’élévage nella capitale Nouakchott durante il quale sono state rinforzate alcune linee di collaborazione ed aperte altre.

vai alla pagina del progetto 

Rispondi

close